La zucca, devo ammetterlo, ha il suo fascino. Attraente nel colore e accattivante la sua irregolare rotondità. I santi, no. Come abbiamo cominciato a raffigurarli da un po’ di tempo. Bruttarelli, ridicoli e con lo sguardo davvero poco intelligente. Spesso con biografie epiche, sa supereroi a cui raccomandarsi, e non da fratelli e sorelle da...